Batman Arkham Origins

Origins%20Promotional.jpg

 

Batman , chi non lo conosce? Tutti pensavano , quando uscì Batman Arkham Asylum , che questo fosse stato l’ennesimo titolo flop lanciato solo per fare qualche soldo e nulla di più , invece si è rivelato come una delle saghe più interessanti di questa generazione!
Oggi vi parlo proprio dell’ultimo Batman sfornato da Warner Bros : Batman Arkham Origins .

 

Origins , pur se esce dopo Asylum e City , è un prequel che racconta le prime avventure dell’uomo pipistrello a Gotham City , questa è una città sempre più corrotta , marcia e sempre più nelle mani dei criminali . La prima differenza dai sequel è che qui comandiamo un Batman agli inizi infatti lo vedremo spesso nutrire dubbi sull’attività di vigilante notturno da lui svolta , a tal punto da pensare di appendere la maschera al muro e non vestire più i panni di Batman . Il gioco , come i precedenti capitoli , si svolge nella stessa notte , 24 Dicembre , e si apre con Batman che si reca alla prigione di Blackgate per sedare una rivolta , qui troverà Maschera Nera , alias Alex Sionis , e scoprirà che questo misterioso personaggio ha messo una taglia di ben 50 milioni sulla sua testa per eliminarlo . Nelle prime fasi di gioco Batman dovrà subito affrontare il coccodrillone Killer Crock che non sarà difficile da mettere al tappeto , nel prosecuo della main quest troveremo altri grandi nemici come Firefly , il Pinguino o Deathstroke ( Il combattimento con questo è epicissimo ) il tutto condito da altri personaggi secondari che non troveremo nella storia principale ma nelle side quest come l’enigmista o Anarchy . E Joker il grande folle amico di Batman? Dov’è? Bene in questo gioco troveremo proprio gli albori del loro rapporto di inimicizia e della loro eterna rivalità . Infine a differenza dei precedenti capitoli Batman non avrà neanche il supporto della polizia , anzi ci troveremo spesso a combattere contro Swat e poliziotti corrotti fino all’osso , ed in tutto ciò il neo capo della Polizia Gordon non riuscirà a fidarsi a pieno di Batman e cercherà spesso di ostacolarlo e di arrestarlo . L’uomo pipistrello potrà contare solo sul suo fedele maggiordomo Alfred , il quale lo assisterà sempre dalla Bat-caverna .Nel gioco vediamo la nascita di personaggi chiave nei sequel come Harley Quinzel ( Harley Quinn ) e Barbara ( futura aiutante di Batman )

Longevità e livello di difficoltà :
Una delle caratteristiche principali della saga Batman Arkham è la longevità , per terminare la storia a difficoltà normale ho impiegato circa 14 ore , pur se devo segnalare che la sfida data da questo capitolo , sempre a normale , è inferiore rispetto a quella data dai sequel infatti non ho trovato grandissime difficoltà in tutti gli scontri ed ho trovato ancora più semplici le fase stealth dove ci troveremo di fronte parecchi nemici armati che dovremo eliminare in maniera più silenziosa possibile sfruttando tutte le tattiche possibili . Nelle fasi finali del gioco il livello di sfida aumenta anche perchè dovremmo affrontare ben 20 nemici contemporaneamente e se non sarete abbastanza abili lo scontro potrà darvi parecchie grane , il boss finale non è difficilissimo ma neanche semplicissimo insomma una difficoltà medio bassa . Ci saranno molte ore aggiuntive date dai pacchetti dell’enigmista e dalla side quest di Anarchy , oltretutto potrete anche cimentarvi nella modalità sfida dove dovrete affrontare in determinati scenari certo numero di nemici in fase stealth o in azione .

Progressione del personaggio? Migliorata!
Se la progressione del personaggio era già buona nel City in Batman Arkham Origins è ancora meglio , infatti avremo davvero tanti upgrade per l’uomo pipistrello , questi sono divisi in due sezioni quelli da mischia e quelli da predatore invisibile ed in tutto avremo più di una 50ina di upgrade , questi ci aiuteranno davvero molto nel prosecuo della storia , vi consiglio inizialmente di concentrarvi sulla corazza da mischia e da armi da fuoco , ciò vi darà un grosso aiuto contro boss e nemici più forti . Con questo Batman abbiamo nuovi Gadget come la granata alla colla , i fantastici guanti elettrici ( che facilitano gli scontri specialmente nel finale ) ed il disturbatore che permetterà di disattivare armi o Jammer , i quali disabilitano la modalità detective .

Ma quanto differisce dai predecessori/Sequel?
Come dinamiche di gioco non ho notato nessuna differenza , il gameplay è rimasto praticamente immutato e ciò naturalmete è un bene perchè prorpio questo è uno dei pregi del gioco .

Ci consigli di acquistarlo?
Ma naturalmente!!! Batman Arkham Origins è un capolavoro che tutti dovrebbero giocare , come meccaniche di gioco non differisce dai sequel usciti due o più anni fa ma la trama è interessante e molto appassionante e proprio il raccontare gli albori di Batman e della sua lotta con Joker rende questo capitolo molto speciale , oltre a questo non mancano i colpi di scena e non manca la varietà nel gioco anche perchè i boss sono tutti diversi l’uno dall’altro e ci saranno sempre modi differenti per batterli . Non voglio esagerare ma è davvero un gioco da Day One e i 60€ , pur se tanti , se li merita davvero tutti questo .

Solo pregi?
Non ho riscontrato particolari difetti , forse le uniche cose che mi hanno fatto storcere un po il naso sono la difficoltà non altissima (a normale) , la sostituzione dei simpaticissimi trofei dell’enigmista e la rimozione degli indovinelli dello stesso .

 

In due righe : Se avete o non avete mai giocato alla serie Batman Arkham questo capitolo fa per voi dato che è il punto giusto per iniziare o per finire la saga , se volete un gran gioco questo fa per voi!
Voto : 8,5/10

Perchè questo voto? Semplicemente perchè per quanto mi sia piaciuto mi sento che il City sia superiore anche perchè segna la conclusione tra la grande rivalità tra Joker e Batman . Forse lo avrei apprezzato ancora di più se fosse uscito prima di Asylum del City!!!

 

Un piccolo consiglio , se questo sarà il primo Batman a cui giocherete comprate la Batman Arkham Collection che include i tre capolavori a 70€